Riccardo Mollo – Informatica e Fotografia

Un aspetto anni ’80 per il Google Play store

banner-un-aspetto-anni-80-per-il-google-play-store
Per tutti quei nostalgici amanti del retrocomputing che si domandano quale potrebbe essere l’aspetto dello store Google Play se fossimo ancora negli anni ’80 con quelle meravigliose interfacce testuali in ASCII, i ragazzi di Andro.io hanno pensato bene di provare a realizzare una copia dello store (che poi alla fine rimanda a quello originale) applicandogli il vetusto aspetto (utilizzando il tema BOOTSTRA.386 per Bootstrap).

Cliccate sull’immagine qua sotto per andare a visitare il sito Retro v0.1:

un-aspetto-anni-80-per-il-google-play-store

LensTag: registrare e proteggere la propria attrezzatura fotografica

banner-lenstag-registrare-e-proteggere-la-propria-attrezzatura-fotografica
Con questo articolo desidero parlare di LensTag, un sito davvero provvidenziale e di evidente utilità per chi fa della fotografia la propria passione e/o professione.

Una delle principali paure che affliggono i fotografi è quella di subire un furto della propria preziosa attrezzatura, alla quale può aggiungersi il lecito timore, per chi acquista online, di incappare in fregature o di acquistare materiale che poi risulta essere merce rubata.

Lo scopo di LensTag, disponibile sia come sito che come app per Android ed iOS, è proprio quello di fornire uno strumento che possa fornire un aiuto concreto per prevenire situazioni spiacevoli.

Senza dilungarmi troppo, le cose principali che permette di fare sono:

♦ Tenere un inventario aggiornato della propria attrezzatura (con relativi numeri di serie, foto, valori a nuovo e nel mercato dell’usato)
♦ Scoprire se alcune proprie fotografie sono state utilizzate online senza la propria autorizzazione (questo è possibile solo se nelle immagini sono presenti i dati EXIF)
♦ Consultare un elenco aggiornato di attrezzatura segnalata come rubata (utilissimo quando si compra online tra privati, in quanto si può scoprire, chiedendo al evnditore di poter verificare il numero seriale, se l’oggetto messo in vendita è in realtà merce rubata)
♦ Segnalare informazioni su un pezzo sottratto in caso di furto

Consiglio quindi a tutti di iscriversi a questo utilissimo sito. E’ gratuito!

Infine, per quanto riguarda i prodotti Canon, uno strumento che offre, tra le varie cose, l’opportunità di tenere un registro della propria attrezzatura (cosa ad esempio molto utile per i vari Camera Service, che permette loro di sapere in tempi brevi se qualche oggetto che passa dai loro laboratori è in realtà merce rubata) è il CPS (Canon Professional Services).

Scroll To Top